News

Cos’è un Ameritrash? Ce lo spiega Morg!

ameritrash

Per chi è immerso in questa passione da più di qualche partita, avrà ormai ben presente la “lotta” continua tra i vari macrogeneri (American, Euro/German, Wargame).

Spesso mi è stato chiesto in quale categoria rientri il mio stile preferito, ma non riesco a dirlo con certezza, anche perché gioco davvero a tutto. Quello che cerco in un gioco è innanzitutto il divertimento, ma anche il “drama”, termine utilizzato anche da Morg della Tana dei Goblin che ha scritto un articolo proprio sui giochi American o, come sempre più spesso definiti, Ameritrash.

“Il Drama – cito l’articolo di Morg – fa riferimento a situazioni insolite o adrenaliniche, difficili da non notare, talvolta esagerate e teatrali, in generale fortemente emozionali ed emozionanti. Nulla a che vedere quindi con drammi o tragedie.”

Spesso mi scontro con giochi dal design ineccepibile, dal bilanciamento calibrato al millimetro e dalle meccaniche scorrevolissime, ma che non riescono a trasmettermi questo fantomatico “drama” o, nella peggiore delle ipotesi, nessuna emozione se non il mero calcolo matematico.

Ecco, gli Ameritrash ci riescono. Non sempre, ma più frequentemente di un buon eurogame.

Avete mai visto i giocatori esaltarsi per una nave caricata in Puerto Rico? Forse sì, ma mai come tirare un sospiro di sollievo quando il nostro personaggio si salva per un soffio dopo un attacco tremendo!  Sia chiaro, non sto parlando della bontà dei giochi in se (adoro Puerto Rico), ma della capacità degli stessi di scatenare forti emozioni come esaltazione, ansia e, perché no, rabbia. Come a dire che ogni tanto ho bisogno della “scossa” che certi giochi sanno dare.

Se l’argomento è di vostro interesse quindi,  l’articolo lo potete trovare cliccando questo link.